Immergas: “Scuole Plastic Free”, in classe con le borracce anti-plastica

0
593
boorracceImmergas lancia il progetto “Scuole Plastic Free” per incentivare l’uso di contenitori riutilizzabili e dell’acqua del Sindaco.

“Riempitele, riempitele, riempitele. Usatele, usatele, usatele”. Sono le borracce in alluminio che Immergas ha donato a centinaia di allievi delle scuole elementari e medie di Brescello e Poviglio in Emilia Romagna e di Viadana in Lombardia per lanciare, dopo il primo test in provincia di Avellino in Campania, il progetto Scuole Plastic Free, che arricchisce il programma di educazione alla sostenibilità Energie per la Scuola.

«In pochi giorni abbiamo fornito gli strumenti operativi per eliminare in un solo anno quasi 550.000 bottiglie di plastica» – spiega il Presidente di Immergas Alfredo Amadei«dando valore all’acqua pubblica, sana e gratuita, visto che nelle scuole dove sono state distribuite le borracce sono installate anche le colonnine per l’erogazione dell’acqua del Sindaco. Il programma Scuole Plastic Free di Immergas si allinea alle scelte che regioni come Emilia Romagna, Lombardia e Campania stanno portando avanti e si inserisce nel protocollo che Immergas ha sottoscritto con il MIUR, il Ministero dell’Università e della Ricerca Scientifica. Le borracce in alluminio sono solo il primo piccolo passo sulla strada Plastic Free che Immergas vuole intraprendere, ma è un passo avanti concreto che oltre alle scuole coinvolgerà anche le famiglie, come del resto avviene con le piccole buone pratiche per risparmiare energia che continueremo a portare nelle scuole anche nel 2020».

L’operazione “Scuole Plastic Free” lanciata da Immergas parte dalla stretta collaborazione con i docenti, come hanno sottolineato i Dirigenti Scolastici di Poviglio e Brescello, Elisabetta Mangi unitamente a quelli di Viadana, Simone Madonna, Mariella Ceccarelli e Sandra Sogliani con le amministrazioni locali.

«Mai come in questo momento i piccoli gesti fanno la differenza» – spiega Ettore Bergamaschi, Direttore Marketing Operativo e Comunicazione di Immergas«solo per fare l’esempio di Viadana abbiamo donato alle scolaresche quasi 2.000 borracce in alluminio, sicure, riutilizzabili e anche molto belle, con lo stemma del Comune unito a quelli di Immergas e ImmerEnergy, la divisione di Immergas dedicata al mercato dell’Efficientamento Energetico e delle Energie Rinnovabili. Investiamo sulle scuole, elementari e medie, perché l’esperienza di cinque anni che abbiamo dedicato all’education sul risparmio energetico, ci dice che i risultati sono molto concreti, piccoli passi avanti sulla strada di un pianeta migliore, abbinati ai grandi passi sulle nuove tecnologie per il clima domestico che nascono nel nuovo Centro Ricerche Immergas, il Laboratorium. Scelte green che saranno il focus della partecipazione di Immergas alla fiera MCE Expocomfort nel marzo 2020».

Brescello – «Queste azioni mirate al mondo della scuola» – ha spiegato il Sindaco di Brescello Elena Benassi nel corso dell’evento presso il polo scolastico Panizzi – «fanno parte delle misure previste dal Patto dei Sindaci per il Clima e l’Energia che abbiamo sottoscritto. É un impegno verso le nostre comunità e verso l’Europa per arrivare a risultati concreti entro il 2030, partendo dalla riduzione del 30% delle emissioni di Co2 e gas serra. Sono obiettivi ambiziosi, ma al tempo stesso sono più che mai urgenti e anche piccoli passi come eliminare le bottiglie di plastica nelle scuole sono passi significativi».

Poviglio – «Sarà un percorso lungo, ma quella che avvertiamo è una sensibilità nuova» – ha ribadito il Sindaco di Poviglio Cristina Ferraroni durante le iniziative nella scuola De Sanctis – «l’attenzione che sta ottenendo il movimento lanciato da Greta Thumberg è la conferma che queste tematiche devono diventare un impegno quotidiano. É una forza che deve essere valorizzata anche in territori piccoli come il nostro».

Viadana – «Riteniamo che sensibilizzare i bambini e ragazzi al rispetto dell’ambiente e alle buone pratiche quotidiane» – ha commentato il Sindaco F.F. della Città di Viadana Alessandro Cavallari nel corso dell’iniziativa nella scuola Vanoni – «sia una strada importante nel percorso evolutivo dei nostri studenti. Contestualmente, nei prossimi mesi verranno installati erogatori d’acqua nei plessi scolastici e lavoreremo per eliminare posate e piatti di plastica dalle mense scolastiche. La borraccia avrà lo stemma della Città di Viadana e di Immergas che ringraziamo sin da ora per la preziosa donazione».

«L’educazione ambientale» – ha sintetizzato la Dirigente Scolastica di Poviglio e Brescello, Elisabetta Mangi«nei suoi diversi aspetti ha sempre avuto un ruolo chiave in tutte le discipline pur non essendo materia specifica e questo perché riguarda la vita quotidiana di ciascuno di noi. I percorsi di studio fino ad ora realizzati si collocano nello scenario internazionale formalizzato nell’agenda 2030 sottoscritta da 193 Paesi membri dell’ONU. Tra i 17 obiettivi dell’agenda 2030 ne abbiamo adottati 8 e la decisione di eliminare la plastica in favore delle borracce di alluminio offerte da Immergas ad alunni e personale si inserisce in questi percorsi per proteggere l’ecosistema, aiutare il clima e garantire modelli sostenibili di produzione e di consumo».

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here