La posizione di Angaisa sul regolamento F-gas

0
594

f.gasNei giorni scorsi Angaisa ha diffuso il proprio “position paper” relativo al cosiddetto “regolamento F-gas”, entrato in vigore il 1° gennaio scorso.

Il documento, trasmesso ai competenti uffici del Ministero Ambiente e del Ministero Sviluppo Economico, si propone di fare il punto sulle conseguenze che il provvedimento ha prodotto all’interno della filiera commerciale, evidenziando le principali criticità, rispetto alle quali si auspica un intervento chiarificatore da parte del Governo.

In particolare, Angaisa ha individuato nei temi della certezza delle regole, delle sanzioni e dei controlli quelli di maggior rilievo e importanza.

In base all’art. 25.1 del regolamento UE 517/2014, gli Stati membri sono tenuti a predisporre sanzioni “efficaci, proporzionate e dissuasive”, che possano garantire, prevedendo opportuni controlli, l’effettivo rispetto delle regole da parte di tutti gli operatori del mercato interessati.

Angaisa sottolinea che “è fondamentale che l’Italia dia al più presto attuazione a quanto previsto, onde evitare che il comportamento scorretto di pochi possa favorire un vero e proprio circolo vizioso, a fronte del quale le prescrizioni del Regolamento rimarrebbero “lettera morta”.

Il documento è disponibile integralmente sul sito di Angaisa.

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here